La Corte di Appello di Milano revoca le condanne per riciclaggio aggravato dalla finalità mafiosa nei confronti di Pontoriero Giuseppe

Con sentenza del giugno 2022, ora definitiva, la Corte d’Appello di Milano ha  revocato due sentenze di condanna emesse dal Tribunale di Torino nei confronti di PONTORIERO  GIUSEPPE, classe 1944, per il reato di riciclaggio aggravato dalla finalità mafiosa, assolvendolo così perché il fatto non sussiste dall’accusa di essere stato il commercialista di riferimento di cosche ‘ndranghetistiche operanti in Piemonte.

La richiesta di revisione delle condanne del PONTORIERO era sta promossa dagli avv.ti Baldassare Lauria e Davide Richetta, che hanno dimostrato l’erronea ricostruzione dei fatti dei primi giudici che avevano ritenuto il compimento, da parte dell’impuatto, di  una serie di condotte tese alla dissimulazione delle provviste finanziarie illecitamente conseguite  da presunti esponenti della Ndrangheta piemontese.

I fatti risalgono  al periodo 2005/2007 e avevano ad oggetto la presunta intestazione fittizia della società EDILTAVA s.r.l e la dissimulazione valoriale del patrimonio di essa., nonché l’acquisto di immobili vari con provviste di provenienza illecita.

“L’assoluzione del dr. PONTORIERO dalle gravi accuse rivoltegli dimostra l’estraneità dello stesso ad ogni progetto illecito, essendosi semplicemente limitato a svolgere la propria attività consulenziale e fiscale”, hanno dichiarato i difensori che hanno espresso la propria soddisfazione anche in relazione all’eccezionalità del rimedio revisionale che ha visto l’annullamento di due sentenze di condanne del Tribunale di Torino.

Con la sentenza di assoluzione la corte di appello di milano ha ordinato anche la revoca della confisca.


-->