Progetto InnocentI

NEWS

Catanzaro, ammessa la domanda di revisione di Michele Nucera e Lorenzo Tripodi condannati per violenza sessuale di gruppo

La Corte d’appello di Catanzaro ha ammesso la richiesta di revisione del processo a carico di Lorenzo Tripodi e Michele Nucera, di 28 e 29 anni, che erano stati condannati a 6 anni di reclusione con l’accusa di avere abusato nel 2016 a Melito Porto Salvo (Reggio Calabria) di una tredicenne. Altre quattro persone coinvolte nella stessa vicenda, Davide Schimizzi, di 29 anni, condannato a 9 anni, Giovanni Iamonte, di 37 (8 anni e 2 mesi), Antonio Verduci, anche lui di 29 (6 anni e 6 mesi), e Domenico Mario Pitasi, di 31 (10 mesi solo per favoreggiamento personale) non

Leggi...

Strage di Piazza della Loggia, processi senza fine tra il rinvio a giudizio di Toffaloni e la revisione di Maurizio Tramonte

Si è aperto un nuovo filone processuale sull’attentato del 1974 che provocò 8 morti e 102 feriti. Ecco chi è il 65enne che è stato rinviato a giudizio perché accusato di avere piazzato la bomba in piazza della Loggia Sarà giudicato dal tribunale minorile Marco Toffaloni, nonostante abbia già compiuto 65 anni. Il 28 maggio 1974, data in cui si verificò la strage di piazza della Loggia, aveva appena 16 anni e, secondo l’accusa, fu coinvolto in prima persona nell’attentato. Per gli inquirenti Toffaloni è, addirittura, uno degli esecutori materiali e adesso dovrà affrontare un processo che prenderà il via il

Leggi...

Strage di Brescia, nuove testimonianze dimostrano il depistaggio delle indagini che hanno fatto condannare Maurizio Tramonte all’ergastolo

Dopo 50 anni, la testimonianza inedita della compagna del neofascita Silvio Ferrari: A Mori promisi il silenzio sulla strage di Brescia di Jamil El Sadi Sulla strage di Piazza della Loggia continua la ricerca di verità da parte degli organi inquirenti. Di recente, una nuova testimone ha accettato di raccontare quello che ha visto. Una donna che al tempo aveva 19 anni ed era la fidanzata di Silvio Ferrari, neofascista pagato dai Servizi, saltato in aria il 19 maggio 1974 sulla bomba che stava trasportando sulla sua Vespa. Sono trascorsi quasi 50 anni dal terribile attentato terroristico con cui – il 28

Leggi...

Il caso Alfredo Cospito e la scelta demagogica del Governo Italiano che ha già dimenticato la condanna della CEDU per tortura nel caso Provenzano

La morte annunciata di Alfredo Cospito, l’anarchico condannato a venti anni di reclusione per l’attentato alla Scuola Carabinieri di Fossano senza tuttavia causare morti, condannerà l’Italia per l’ennesima volta per tortura. E’ già accaduto nel 2018 con il caso Bernardo Provenzano, allorché la CEDU ritenne illegittimo il mantenimento del regime ex 41 bis O.P. nonostante il detenuto fosse ormai in stato vegetale. Anche allora l’opinione pubblica si schierò contro la revoca del durissimo regime detentivo. In fondo l’Italia è uno Stato di Diritto a correnti alterne. Sul piano politico siamo i primi a firmare le Convenzioni Internazionali ma poi facciamo

Leggi...

Quando Papa Benedetto XVI incontro’ i detenuti del carcere di Rebibbia, “il sovraffollamento equivale ad una doppia pena”

Nel giorno della dipartita di Papa Benedetto XVI, vogliamo ricordare il discorso che lo stesso fece ai detenuti del carcere di Rebibbia il 18.12.2011, un monito inascoltato dal Governo e dal Parlamento italiano Cari fratelli e sorelle, con grande gioia e commozione sono questa mattina in mezzo a voi, per una visita che ben si colloca a pochi giorni dalla celebrazione del Natale del Signore. Rivolgo un caloroso saluto a tutti, in particolare al Ministro della Giustizia, On. Paola Severino, e ai Cappellani, che ringrazio per le parole di benvenuto, rivoltemi anche a nome vostro. Saluto il Dott. Carmelo Cantone,

Leggi...

Guerra di Camorra: Ammessa la revisione della condanna di Monaco Salvatore per l’omicidio di Carmela Attrice, ordinato dal clan Di Lauro

Monaco Salvatore condannato alla pena di 23 anni di reclusione per l’omicidio di Carmela Attrice avrà il processo di revisione. Lo ha deciso  la prima sezione della Corte di Cassazione che ha accolto il ricorso dell’Avv. Baldassare Lauria avverso la sentenza della Corte di Appello di Roma che aveva dichiarato l’inammissibilità della richiesta di revisione della condanna ad anni ventitré di reclusione emessa dalla Corte di Assise di Napoli il 26.03.2007 Il fatto risale al 15 gennaio 2005, allorquando nel rione “Case Celesti” di Napoli, centro  nodale per il traffico di cocaina gestito dalla camorra, veniva barbaramente uccisa Carmela Attrice, madre

Leggi...

Catanzaro, ammessa la domanda di revisione di Michele Nucera e Lorenzo Tripodi condannati per violenza sessuale di gruppo

La Corte d’appello di Catanzaro ha ammesso la richiesta di revisione del processo a carico di Lorenzo Tripodi e Michele Nucera, di 28 e 29 anni, che erano stati condannati a 6 anni di reclusione con l’accusa di avere abusato nel 2016 a Melito Porto Salvo (Reggio Calabria) di una tredicenne. Altre quattro persone coinvolte nella stessa vicenda, Davide Schimizzi, di 29 anni, condannato a 9 anni, Giovanni Iamonte, di 37 (8 anni e 2 mesi), Antonio Verduci, anche lui di 29 (6 anni e 6 mesi), e Domenico Mario Pitasi, di 31 (10 mesi solo per favoreggiamento personale) non

Leggi...

Strage di Piazza della Loggia, processi senza fine tra il rinvio a giudizio di Toffaloni e la revisione di Maurizio Tramonte

Si è aperto un nuovo filone processuale sull’attentato del 1974 che provocò 8 morti e 102 feriti. Ecco chi è il 65enne che è stato rinviato a giudizio perché accusato di avere piazzato la bomba in piazza della Loggia Sarà giudicato dal tribunale minorile Marco Toffaloni, nonostante abbia già compiuto 65 anni. Il 28 maggio 1974, data in cui si verificò la strage di piazza della Loggia, aveva appena 16 anni e, secondo l’accusa, fu coinvolto in prima persona nell’attentato. Per gli inquirenti Toffaloni è, addirittura, uno degli esecutori materiali e adesso dovrà affrontare un processo che prenderà il via il

Leggi...

Strage di Brescia, nuove testimonianze dimostrano il depistaggio delle indagini che hanno fatto condannare Maurizio Tramonte all’ergastolo

Dopo 50 anni, la testimonianza inedita della compagna del neofascita Silvio Ferrari: A Mori promisi il silenzio sulla strage di Brescia di Jamil El Sadi Sulla strage di Piazza della Loggia continua la ricerca di verità da parte degli organi inquirenti. Di recente, una nuova testimone ha accettato di raccontare quello che ha visto. Una donna che al tempo aveva 19 anni ed era la fidanzata di Silvio Ferrari, neofascista pagato dai Servizi, saltato in aria il 19 maggio 1974 sulla bomba che stava trasportando sulla sua Vespa. Sono trascorsi quasi 50 anni dal terribile attentato terroristico con cui – il 28

Leggi...

Il caso Alfredo Cospito e la scelta demagogica del Governo Italiano che ha già dimenticato la condanna della CEDU per tortura nel caso Provenzano

La morte annunciata di Alfredo Cospito, l’anarchico condannato a venti anni di reclusione per l’attentato alla Scuola Carabinieri di Fossano senza tuttavia causare morti, condannerà l’Italia per l’ennesima volta per tortura. E’ già accaduto nel 2018 con il caso Bernardo Provenzano, allorché la CEDU ritenne illegittimo il mantenimento del regime ex 41 bis O.P. nonostante il detenuto fosse ormai in stato vegetale. Anche allora l’opinione pubblica si schierò contro la revoca del durissimo regime detentivo. In fondo l’Italia è uno Stato di Diritto a correnti alterne. Sul piano politico siamo i primi a firmare le Convenzioni Internazionali ma poi facciamo

Leggi...

Quando Papa Benedetto XVI incontro’ i detenuti del carcere di Rebibbia, “il sovraffollamento equivale ad una doppia pena”

Nel giorno della dipartita di Papa Benedetto XVI, vogliamo ricordare il discorso che lo stesso fece ai detenuti del carcere di Rebibbia il 18.12.2011, un monito inascoltato dal Governo e dal Parlamento italiano Cari fratelli e sorelle, con grande gioia e commozione sono questa mattina in mezzo a voi, per una visita che ben si colloca a pochi giorni dalla celebrazione del Natale del Signore. Rivolgo un caloroso saluto a tutti, in particolare al Ministro della Giustizia, On. Paola Severino, e ai Cappellani, che ringrazio per le parole di benvenuto, rivoltemi anche a nome vostro. Saluto il Dott. Carmelo Cantone,

Leggi...

Guerra di Camorra: Ammessa la revisione della condanna di Monaco Salvatore per l’omicidio di Carmela Attrice, ordinato dal clan Di Lauro

Monaco Salvatore condannato alla pena di 23 anni di reclusione per l’omicidio di Carmela Attrice avrà il processo di revisione. Lo ha deciso  la prima sezione della Corte di Cassazione che ha accolto il ricorso dell’Avv. Baldassare Lauria avverso la sentenza della Corte di Appello di Roma che aveva dichiarato l’inammissibilità della richiesta di revisione della condanna ad anni ventitré di reclusione emessa dalla Corte di Assise di Napoli il 26.03.2007 Il fatto risale al 15 gennaio 2005, allorquando nel rione “Case Celesti” di Napoli, centro  nodale per il traffico di cocaina gestito dalla camorra, veniva barbaramente uccisa Carmela Attrice, madre

Leggi...
Torna in alto